POESIE PANDEMICHE

PRIMAVERA TRA PANDEMIA E SPERANZA

28.03.2021 17:23
Son questi cavalli di primavera, che freschi ci scavallano di dentro, che evidenzian premature distanze... ed è difficile, oltre che scortese, qui saltare recinti propri o altrui se pure dentro rimbalzano ancora, per frammenti, ricordanze lontane, che qui sanno di buono come il pane: voi dentro a...

E SI SPARANO VIA CON LA FURIA

28.03.2021 17:18
E si sparano via con la furia di coccodrilli alla caccia di prede nei colorati cartoon d’infanzia i rimorsi, gli ingombri di una vita e mai che manchino qui il bersaglio lasciando grumi a monti: più che sangue son grovigli intricati di parole da cui è gran difficile levare collanti sollievi di...

A MIA MADRE IN TEMPO DI PANDEMIA

28.03.2021 17:11
Nei preamboli qui del discutere la morte s'erge diritta e solenne inevitabile il parlarne nello scorrere del male pandemico… Poi improvvisi seppure già attesi premono guasti intimi intensi, profondi irrimediabili e mi trovo pianta privata delle teneri radici e giro tra le mani con dolcezza il nulla...

TERMINE DI PASSEGGIATA

28.03.2021 17:09
Si slungano verso il passo le strade le curve scordate un poco di sotto più facile sembra l’ultimo tratto scordati poco d’addietro gli scontri d’un vivere scomodo per tornanti dove la disallegria è compagna sempre ad ogni passo stanco ed incerto… … poi si sta al poggiolo ad attendere lo zirlo del...

METROPOLITANA MILANESE

28.03.2021 17:03
Stanno sospesi i visi sotto negli intrecci sotterranei quasi che perplessità li cogliesse sul senso dell'andare del raggiungere quel qualcosa che sta nel diverso da sé.

ACROSTICO IN TEMPI DI CORONAVIRUS PER VALENTINA P.

28.03.2021 12:24
Voce solenne in assenza di suoni Amica in giorni di sospese angosce Levi silenzi da intime paure E da luoghi ancora tesi all'inganno Nella reclusione che ci accomuna Tu intensamente taci e son sospiri Interni propri qui di libertà Nelle nostre labirintiche menti A spasso ben di sopra ai cancelli.

ACROSTICO PER MARIA TERESA

28.03.2021 12:22
Movimenti lenti qui di passeggio, Attorno a scivolate adolescenze, Ripropongono lontane beltà Intorno un riaffiorare di volti Alle volte di scadute memorie. Tenero ancora qui il tuo sorriso Ed è ritorno a me assai gradito: Risveglio da noie, che quotidiane Emergono coi guasti d’una vita. Serena tu...

BRACCONIERE

28.03.2021 12:17
Bracconiere col fucile a tracolla sto sulla via di parole al vento alte là bianche a stormo come latte una impallinarla prima del passo.

CELESTI ARATRI

28.03.2021 11:44
Questi solchi profondi qui di dentro che nessuni riesce riempire son forse frutto di celesti aratri, che si vagano per rotte altissime... o forse sarebbe meglio ammettere che i buchi ce li siamo fatti noi strappando via memorie dalla terra

RUGGINOSE INCURIE

28.03.2021 11:41
Qui stanno rotolandosi gli effetti di consunti guasti ammalorati e non c'è pioggia che tenga o altri malesseri del tempo per toglier via rugginose incurie forse bisognerebbe trovare quel cristo che a volte povero alloggia in noi che sempre pedala contromano e ride ride come fosse ben matto e...
1 | 2 >>