POESIA

02.06.2020 13:27

2 GIUGNO 2008

  Il sole che mi coglie è roba misera in questo giorno di festa… civile. Dopo settimane di pioggia dura la gente tutta si cerca riparo, io sto nella sedia di lettura.   Quanto tempo sprecato nell’andare dalla sedia di lettura, mi dondola, al piano di scrittura, mi consola. Procedo in...

Continua...

—————

30.05.2020 15:54

SOPRA LAVENO

Che allontanatesi le cime della vita, o disperse per passi sopra Laveno, qui si rimedia con la conta dei cento verdini definibili a stento che fan merletto alla valle antica.   E si sventolavano bandiere d'allegria là dal poggiolo alcova sul lago teso con la gonna a fiori e la camicia...

Continua...

—————

26.05.2020 13:27

BALLO IN LEVARE

  Stava delicata la poesia dentro gli impacci d'un passante: da un forse glicine là prepotente sprizzava a nuovo fresca l'acqua una lavata al viso e via! E si levano via vispi quei gabbiani qui pensati inerti e traggono via per discariche antichi cenci là d'arcobaleni e dentro il gran chiasso...

Continua...

—————

23.05.2020 13:04

INCASTRI

Gli incastri per i quali chiavi del disincastro non detengo mi hanno recluso per tormentati labirinti: un intrico duro di segni che fatico un monte a governare ma la fuga, od altro di vigliacco, respingo e allora sto qui a tirar di lima e con l'intimo succhiello mi sfinisco a far fori nelle...

Continua...

—————

23.05.2020 12:58

21 marzo giornata internazionale della poesia: LA MAGNOLIA NELLA PIAZZA

E sì ci son mancati i nevicari di quelli grandi teneri e lombardi e ora per scelta lascio i lontani freschi prati di marzo da tempo chiuso naso alla finestra spio di sotto il crescere forte del dolce roseo della magnolia lì nello stento della piazza vecchia ed a quel fiore immaturo...

Continua...

—————

23.05.2020 12:52

CLOWN

  Mi hanno messo qui col gran rosso naso pagliaccio con grancassa al pubblico uso. fragore rimbomba; tondo luce oggi sto clown afasico bastardo svuotato di parole suoni ed altro legato senza lacci sulla sedia alla movenza minima del capo inizia il viaggio piatto a me davanti il resto di...

Continua...

—————

23.05.2020 12:44

CHE SIA UN MUSO DI GATTO

Per prima cosa venne un gatto, nero. o meglio il muso nero lì d'un gatto dentro la luce dell'uscio accallato: per l'intrusione buono ogni pertugio, ogni discosto, ogni lacero strappo, noi della stirpe dei curiosi, contigui alle gobbe smosse d'un gatto (scoliosi o disturbi della mente?) tentiamo...

Continua...

—————