Il 26 settembre nella piazzetta Villapizzone, presso la Quasi Locanda, ho ripetuto il mio "gioco" del venditore di versi. Con le parole incassate "ho composto:

Adré adré di questa città

si vivono respiri e silenzi

che vanno con rapido tremore

a sorridere come fosse dolce poesia

su orizzonti di luci e armonie

quasi che il sole non volesse andare

e tra campane è apertura

sul mondo d’un arcobaleno

di azzurre amicizie, sogni, pensieri

e si sorride a un giovane amore.

Ma non coerente come sto

temo di trovare nuovo dolore

e rincorro speranze

per cambiare politica e Terra

magari per mangiare funghi insieme

e crescere senza vendersi

e senza maschere.

 


Rinnovo il benvenuti nel mio sito dopo tre mesi dalla sua riapertura. In queste pagine troverete  alcune "cose" mie.
Poesie, racconti, testi teatrali, quadri e qua e là qualche pensiero e alcuni cenni biografici.
Grazie per venirmi a trovare. (a.r.)
 

TERMINE DI PASSEGGIATA

Si slungano verso il passo le strade
le curve scordate un poco di sotto
più facile sembra l’ultimo tratto
scordati poco d’addietro gli scontri
d’un vivere scomodo per tornanti
dove la disallegria è compagna
sempre ad ogni passo stanco ed incerto…]
… poi si sta al poggiolo ad attendere
lo zirlo del tordo che conclude.
 
                                 17 agosto 2020

 

 
 

LEGGI ALTRE POESIE

 

I MIEI QUADRI

Piccola ciotola con cose

Acrilico - cm. 40 x 30

 
 

COLLEZIONI / BURATTINI E MARIONETTE

 EREMITA (YATHAY) - TEATRO YOKTHE PWE

 

  

 

Contatti

ADELIO RIGAMONTI


PENSIERO N. 24

Sono felice della mia laicità perché mi permette di non temere l'Inferno e di non agognare il Paradiso.


RICORDO N.3

1951 L'ALLUVIONE NEL POLESINE

L'alluvione nel Polesine del 1951 è un ricordo sentito più e più volte da piccolo, forse non andavo ancora a scuola. Lo raccontava la nonna. Diceva che usava le federe vecchie dei cuscini per riempirle, pigiando, dei miei vestitini smessi e di qualche camicia stinta di papà e di nonno. Poi la zia, sorella del nonno e forse in odore di santità, si caricava i fagotti in spalla e li portava alla chiesa dei frati lì in viale Piave. Altro di quella tragedia ho letto nei libri e nei giornali dell'epoca, più tardi, in biblioteca.

 


AGGIORNATO IL 6 OTTOBRE