I MILANES/LE MILANESI

LENGUA

Gh’è bisogn d’invegiamm in altra lengua
de slargà chi foeura el me strumentari
nel parecià el viagg che me toca fa
bisogna vess special stà lì a special.
Gh’è bisogn de sonà in mod noeuv, divers
girà all’invers ‘l cugiarin nel tè
e ciami lengua sti letter de sbies.

 

Lingua

C’è bisogno di invecchiare in un’altra lingua/ di aprire del tutto l’insieme dei miei strumenti/ nel preparare il viaggio che mi tocca fare/ occorre essere speciali nello stare lì ad attenderlo./C’è bisogno di suonare in modo nuovo, diverso/ girare all’incontrario il cucchiaino nel te/ e chiamo lingua queste lettere di sbieco.

 

I ROB DEL VIV

Stà chi in sti lus de lama

a tirass l’orizont adoss
o almanch specià ch’el vegna
a dimm che fin là podi rivà
e là stan già i ligor a speciam
e cunt i lor andà e venì de prescia
lunghen o scorcen i me rob del viv.

 

Le cose del vivere

Star qui in queste luci di taglio/ a tirarsi addosso l’orizzonte/ o almeno attendere che venga/ a dirmi che fin là posso arrivare/ e là stano già le lepri ad aspettarmi/ e con il loro andare e venire di fretta/ allungano o accorciano le mie cose del vivere.

UN SOL MAGHER

A un sol magher se slanguiss la luserta
magher me i venerdì andà in orazion
hinn i di de quest settember slungà
me fudess sora sti sass negher:
sarà per quel slungass de scur che ‘l fa
quand riz ferm per un ciao de pressa
levi via ‘l pé per fa no radìs.

 

Un sole smunto

A un sole smunto si infiacchisce la lucertola/ magro come i venerdì dispersi in preghiere/ sono i giorni di questo settembre allungato/ come fosse sopra questi sassi ombra nera:/ sarà per quell’allungarsi dell’ombra che accade/ quando dritto e fermo per un ciao frettoloso/ levo via il piede per non mettere radici.

PRIMAVERA

Sto chi nagottos a fa giugà ‘l cial
nel menter che ‘l vegn giò un robettin de nient
un sfarfagliet insolent de mezza taca:
de la natura che la verà l’è ‘l via.

 

 

Primavera

Sto qui sfaccendato a far giocare il cazzo/nel mentre che vien giù un robettino da niente/uno sfarfaglìo insolente senza valore: della natura che verrà è l'incipit.

DEMOCRASIA

Stori ed alter stori
hinn chi a balordimm ‘l co
pari de vess stordì d’un bot…
E giò sti fett, sti sproloqueri
tucc all’in gir de la democrasia.

 

Democrazia

Storie ed altre storie/stanno qui a turbarmi la testa/sembro d'essere stato strodito in un colpo.../E giù queste palle, questi sproloqui/tutto intorno alla democrazia.

UN LOFF FINAL

L’è roba de ruera quel che adré se tirom
pirland per sti strad a mangia coa
che menen semper al medesim post
a dirlondera avanti ‘ndré
a specià ‘l final, loff, loff.

 

Uno stracco finale

Sono cose da pattumiera ciò che ci tiriamo dietro/girando come trottole queste strade che si inseguono/che conducono sempre allo stesso posto/a giocherellare avanti e indietro/ad attendere il finale stracco stracco.

MAGG

El vegn foeura de per lu
un viscor sbarbagliass de lus
nel gris del sora i tecc:
in un amen el se smorza…
giogà per giogà l’ultima mata
lì sul tavol verd d’un sogn,
andà via subit, de pas.

 

Maggio

Viene fuori da solo/un frizzante gioco luminoso di luci/nel grigio del sopra i tetti: in un attimo si smorza... giocare per giocare l'ultimo jolly/lì su un tavolo verde d'un sogno,/andare via subito, di buon passo.

EL ME TEATER

Ne final de bas del me teater
el to balet de spirit bon
m’incioda a temp andà,
bei de bon, ma fors trà via,
in doe d’incant se parava,
a ogni canton de cà,
un sbrisolin d’alegrìa.

 

Il mio teatro

Nel sottofinale del mio teatro/il tuo balletto da spirito buono/mi inchioda a tempi andati/belli davvero, ma forse buttati via,/ dove d'incanto si mostrava/ad ogni angolo di casa/un briciolo d'allegria.

MARZ

Un cald foeura de stagion
me sbolgirona ‘l co,
me sgarbella i busecc
un rifol domà d’aria
l vegn de sora al tram
a bofà denter el ross di so cavej:
l’è come fudess ‘legria…

 

Marzo

Un caldo fuori stagione/mi turba la testa/mi graffia l'intestino/un soffio appena d'aria/giunge da sopra il tram/a soffiare dentro il rosso dei tuoi capelli:/è come fosse allegria.

INCOEU

Incoeu l’è un dì lagnos
de quei che vegnen su sens’anima
in doe anca i rob pussé bei,
e chi disi di quei andà,
se smorbissen, se slanguissen
e mi sto chi a giogà
col botton de la giacheta slisa
a squasi per savé
s’el se staca prima lu o mi.

 

Oggi

Oggi è una giornata noiosa/di quelle che sorgono senz'anima/in cui anche le cose più belle/s'ammalorano, si illanguidiscono/e io sto qui a giocare/ con un bottone della giacca rovinata/ quasi volessi sapere/se si stacca prima lui o io.

L CIFON DE CA’

Già la mort la m’à dà del ti
roba de noeuf, des ann fa,
s’erum lì ‘nsema a fa di cont…
le la tirava de là, mi tiravi de chi
e menter tucc e du si tirava
gh’ò vist passà na caminada
de quei che hinn già mò andà
sensa stà li a contala su, sensa fa stori
e adess stan lì sul cifon de cà
tacà al lett de la mama
che ora mai la parla doma con lor
ma la sta tenta a lassà semper un post
a qualcun alter che se leva via
sensa da trop infesc al so viv
al so star lì sensa parol.

 

Il cassettone di casa

Già la morte m'ha dato del tu/roba di nove dieci anni fa,/eravamo li insieme a fare conti.../lei tirava di là, io tiravo di qua/e mentre tutti e due tiravamo/ho visto passare una processione/di quelli che sono già andati/senza farla lunga, senza far storie/e adesso stanno lì sul cassettone di casa/attaccato al letto della mamma/che ormai parla solo con loro/ma sta sempre attenta a lasciare spazio/a qualcun altro che si leva via,/senza infastidire troppo il suo vivere/il suo star lì senza parlare.